attesa biblio est sriunioni
sub

Capita spesso che all'interno delle associazioni sportive dilettantistiche legate al mondo della subacquea, vengano organizzate immersioni ricreative al di fuori dei corsi per il rilascio dei brevetti abilitanti all'attività. Molti si chiedono, in questi casi, se vi siano risvolti di responsabilità in capo a qualcuno dei partecipanti in ipotesi di incidente ed in particolare se l'istruttore che vi partecipi rivesta comunque una posizione di garanzia nei confronti dei partecipanti, pur essendo un mero partecipante nell'ambito di una immersione "tra amici".

Posto che -come ben sappiamo- non vi sono nell'ordinamento italiano norme specifiche che regolano l'attività subacquea, riferendosi ai dettami della giurisprudenza sia di merito che di legittimità, possiamo vedere come in ipotesi di questo tipo non c'è una regola generale che preveda stabilisca la sussistenza o l'assenza di una posizione di garanzia in capo ad un soggetto, come invece avviene nelle ipotesi di stipula di un contratto di prestazione d'opera tra istruttore/guida/diving e allievo/cliente, ove è certa la presenza di una posizione di garanzia in capo ai primi, essendo in presenza di un bene giuridico ("bene salute" dell'allievo/cliente) che necessita di protezione. Secondo la giurisprudenza infatti nelle fattispecie che qui ci occupano è necessario esaminare caso per caso la reale e specifica organizzazione dell'immersione, al fine di poter verificare se nel gruppo di "amici" partecipanti vi sia qualcuno che si assuma una posizione di garanzia nei confronti degli altri.

Tale assunto emerge chiaramente dalla lettura della sentenza della IV Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione n. 43640 del 11.10.2011, chiamata a pronunciarsi proprio in un'ipotesi di incidente avvenuto durante una c.d. immersione "tra amici". La Corte di Cassazione, confermando le sentenze di merito, ha assolto l'imputato dal reato di cui all'art. 589 cp (omicidio colposo) perché il fatto non sussiste. Un tale assunto deriva proprio da un'esame fatto sulle caratteristiche organizzative e di gestione della singola immersione durante la quale è accaduto l'evento morte, proprio al fine di valutare se l'imputato avesse assunto con il suo comportamento una posizione di garanzia nei confronti di uno o più dei partecipanti.

Di seguito si riporta il testo della sentenza della Core di Cassazione.


 

Cassazione Penale, Sez. IV, 11.10.2011 n. 43640

 

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Il Tribunale di Sanremo ha assolto l'imputato La.Ma. dal reato di cui all'art. 589 c.p. perché il fatto non sussiste. A seguito di appello proposto dalla parte civile, la prima pronunzia di merito è stata confermata dalla Corte d'appello di Genova.

L'imputazione fa riferimento alla morte di Z.E. nel corso di una escursione subacquea. All'imputato, nella qualità di promotore e coordinatore dell'escursione, è stato mosso l'addebito di non avere pianificato le precauzioni di comune esperienza volte a garantire la sicurezza dei subacquei. Le operazioni, in particolare, avevano luogo con immersioni separate senza contatto tra i partecipanti e quindi senza possibilità di tempestivo soccorso. In tale situazione il La. non era in condizione di assistere lo Z. che, nel corso della risalita, veniva colpito da narcosi da azoto che ne determinava la morte per asfissia da annegamento.

2. Ricorre per cassazione la parte civile lamentando che la pronunzia di merito esclude l'esistenza di una posizione di garanzia in capo all'imputato, trascurando di valutare correttamente il contenuto indiziario del materiale probatorio.

Rileva in primo luogo l'interrogatorio dell'imputato stesso, che ha ammesso di aver formato delle schede per certificare le immersioni al fine del conseguimento di brevetti aggiuntivi. Un'indicazione in tal senso viene anche dal teste M.. Dunque, lo Z. voleva conseguire un brevetto ed a tal fine le sue immersioni dovevano essere certificate da un istruttore abilitato come l'imputato. In conclusione, la vittima riportava su apposita scheda le immersioni controfirmate dall'imputato. La scheda era stata appositamente creata dal La..

Ulteriori indizi significativi denotano la natura onerosa dell'immersione. La Corte trae argomento dalla circostanza che tutti gli altri partecipanti all'immersione hanno escluso di aver versato danaro, ma non spiega perché ciò debba valere anche per lo Z.. Rilevano invece nell'ottica accusatoria i dati riportati nelle agende della vittima: annotazioni relative ai versamenti in favore dei La.. Del resto la moglie dello Z. ha riferito che il coniuge provvedeva a versare all'imputato le somme dovute per ciascuna immersione. Pure sul carattere oneroso della prestazione vi è dunque convergenza di elementi indiziari.

La Corte di merito ha inoltre omesso di considerare la tipologia dell'immersione. L'imputato mente in ordine alla natura dell'attività svolta, giacché da un documento prodotto dalla parte civile emerge che egli annoverava tra i siti oggetto di immersione proprio il relitto in prossimità del quale si verificò l'evento letale. Ne emerge che il centro dallo stesso gestito organizzava proprio immersioni a pagamento per visitare il relitto.

Ancora, la Corte d'appello ha trascurato che la vittima non aveva la necessaria esperienza per affrontare l'immersione se non assistito da altri. Indicazioni in tal senso emergono da due deposizioni testimoniali e particolarmente da quella del suocero dello Z..

Ciò nonostante la Corte d'appello perviene a ritenere incongruamente l'esistenza di una sufficiente esperienza.

Infine, il giudice di merito svaluta il significato della delibazione, da parte dell'imputato, della richiesta di partecipazione della vittima all'immersione. Fu l'Imputato che decise, nella veste di organizzatore, se il ridetto Z. potesse partecipare all'immersione.

Conclusivamente dalla congerie di indizi indicati dal ricorrente il La. dovrebbe essere individuato come organizzatore di una escursione che aveva finalità formative per il conseguimento di un brevetto e carattere oneroso.

3. Il ricorso è infondato. La pronunzia impugnata non ha ritenuto l'esistenza di una posizione di garanzia in capo all'imputato, così confermando la valutazione compiuta dal primo giudice. Essa esclude che fosse convenuta una prestazione retribuita e ritiene, invece, che si fosse in presenza di un'immersione costituente una attività ricreativa nel corso della quale avrebbero dovuto anche essere sperimentate le nuove torce subacquee di uno dei partecipanti. Le persone che originariamente avrebbero dovuto prendere parte all'immersione erano tutte di pari esperienza; mentre la partecipazione della vittima, inizialmente non prevista, ha avuto luogo nella forma di aggregazione al gruppo su sua richiesta. Tutti i partecipanti hanno parlato di una immersione fra amici; né l'atto di appello specifica per quali concrete ragione tali testi siano inattendibili. Neppure assume concreto significato probatorio la sottoscrizione da parte dell'imputato delle schede relative alle immersioni, ivi comprese quelle di due giorni prima dell'evento, atteso che si tratta di certificazione a conforto del progredire dell'esperienza. Parimenti priva di concreto significato è la circostanza che l'imputato abbia valutato se l'immersione fosse alla portata dello Z., conosciuto come subacqueo appassionato ma prudente.

In conclusione certamente il ridetto Z. chiese al La. di potersi aggregare ad un gruppo che inizialmente non aveva previsto la sua partecipazione, sentendosi in grado di effettuare un'immersione nel cui ambito la presenza dell'imputato era motivo di rassicurazione rispetto alla propria personale esperienza, che era comunque sufficiente, tenendo conto delle immersioni effettuate in precedenza a quelle profondità. Peraltro è stato l'intero gruppo a realizzare l'effetto di rassicurazione, tanto è vero che egli non rimase accanto all'imputato ma lo precedette. Lo Z. scelse spontaneamente di aggregarsi ad una coppia di subacquei, senza attendere il La. che si immerse successivamente. Insomma, si era in presenza di quattro subacquei di grande esperienza e di uno, lo Z., di esperienza sufficiente. In ogni caso, la presa in carico, viste le modalità di discesa, avrebbe potuto far capo, piuttosto che al La., ai due sub ai quali lo Z. si era accompagnato nella discesa. Ma in realtà, con buona ragione, non vi fu alcuna presa in carico poiché lo Z. fu ritenuto idoneo a gestirsi da solo. La conclusione è, quindi, che non si concretò l'assunzione di alcuna posizione di garanzia.

L'argomentazione sopra sintetizzata è basata su diverse e significative acquisizioni probatorie, è conforme ai principi e non può essere messa in discussione nella presente sede di legittimità.

Risulta di speciale persuasività la parte della motivazione in cui si descrivono i momenti cruciali dell'immersione, per escludere che vi fosse una relazione, collocabile all'interno di una posizione di garanzia, tra imputato e vittima. Lo Z., infatti, si immerse con subacquei diversi dal La. e tale dato viene correttamente riconosciuto come dirimente per ritenere l'inesistenza della discussa posizione di garanzia che, nell'ottica accusatoria, fondava l'imputazione colposa.

Il ricorso deve essere conseguentemente rigettato. Segue per legge la condanna al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Recapiti

Studio Legale Prati Raimondi

via Giovanelli 2 - 38122 TRENTO
tel 0461 234252 - fax 0461 425604
P.IVA 01940750225

studio@legali-tn.it - www.legali-tn.it

Social

Login

Questo sito utilizza cookies in conformità al GDPR (Regolamento UE 2016/679). I cookie sono file identificativi temporanei che i siti web memorizzano sul computer dell'utente di internet durante la navigazione, allo scopo di migliorare le navigazioni successive di chi ha già visitato il sito e possono anche servire a identificare e profilare l’interessato. Questo sito utilizza cookie “tecnici”, che in forma assolutamente anonima garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web, nonché cookie di analisi, assimilati ai cookie tecnici, che consentono al gestore del sito di raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso e cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati, ad esempio la lingua, al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Tuttavia, collegamenti con siti esterni (google maps) o eventuali contenuti pubblicati, potrebbero comportare l’utilizzo di cookie di terze parti, anche di profilazione.